Community Shield 2020

Con l’appuntamento del Community Shield si è aperta ufficialmente la nuova stagione 2020/21 del calcio d’Oltremanica. Si è giocato come da tradizione a Wembley, ma le restrizioni ancora in vigore causa Covid ci hanno consegnato ancora una volta uno stadio vuoto, uno spettacolo triste che speriamo di poter abbandonare presto.

ARSENAL 6 LIVERPOOL 5 d.c.r.

12′ Aubameyang 73′ Minamino

Entrambe le squadre venivano da un Agosto tranquillo, privo di impegni causa le rispettive eliminazioni precoci da Europa League e Champions League. Il Liverpool aveva terminato la stagione portando a casa il titolo di Campioni di Inghilterra con un distacco impressionante, ma con un periodo post-lockdown non brillante. L’Arsenal invece aveva riscattato una stagione deludente con la vittoria della FA Cup che le ha garantito la partecipazione all’EL del 2020-21.

IL TABELLINO

Arsenal (3-4-3): Martinez, Luiz, Holding, Tierney (83′ Kolasinac), Maitland-Niles, Bellerin (58′ Soares), Xhaka, Elneny, Saka (82′ Willock), Aubameyang, Nketiah (82′ Nelson)

Liverpool (4-3-3): Alisson, Williams (59′ N.Keita), Gomez, Van Dijk, Robertson, Fabinho, Milner (59′ Minamino), Wijnaldum (90′ Brewster), Mane, Salah, Firmino (83′ Jones)

Referee: Marriner.

RACCONTO DELLA PARTITA

Arteta deve fare a meno di molti uomini importanti e punta sulla difesa a 3 con tra i pali Martinez preferito a Leno, mentre in attacco è Nketiah il punto di riferimento con Aubameyang e Saka a muoversi sulle fasce per cercare il fondo o accentrarsi e andare al tiro.
Klopp invece ha a disposizione praticamente tutta la squadra titolare e la schiera dal primo minuto, inserendo il solo Williams al posto di Alexander-Arnold indisponibile per problemi alla schiena.

Come da pronostico è il Liverpool a fare la partita, ma il gioco dei Reds appare troppo prevedibile e la manovra lenta favorisce le ripartenze dei Gunners che con un fantastico tiro a giro di Aubameyang passano in vantaggio al 12′. I campioni di Inghilterra cercano la reazione, ma almeno nel primo tempo non producono grandi pericoli. Nella seconda frazione di gioco però la pressione si fa costante ed a un quarto d’ora dalla fine è il subentrato Minamino a siglare il pareggio.

Le squadre arrivano al 90′ sul risultato di parità e come da regolamento si va direttamente ai rigori. L’Arsenal non ne sbaglia uno, mentre nel Liverpool è il giovane Brewster, entrato proprio per calciare dal dischetto, a scheggiare la traversa e regalare la vittoria alla squadra di Arteta, finora infallibile nelle finali.

 

 

 

 

 

Attachment

Lascia un commento

(obbligatorio)

Translate »