Viaggio tra i tifosi – Watford

Continua la rubrica che racconterà la storia dei supporters delle 20 squadre di Premier League.

La tifoseria che andremo a conoscere oggi è quella del Watford.

 

I am still standing…sono ancora in piedi.

Poche tifoserie possono vantare di avere una canzone pre-match scritta da un proprio tifoso e ancor meno tifosi possono vantarsi di essere stati proprietari del club per cui fanno il tifo e di avere un intero settore a sè intitolato.
E’ quello che succede a Watford dove le note della canzone “I’m still standing” di Elton John risuonano a Vicarage Road prima di ogni match della squadra che, quando il cantante era il proprietario tra il 1977 e il 1987, ha vissuto i migliori momenti della propria storia passando dalla Fourth Division alla massima serie ottenendo un secondo posto e terminando come runner up la corsa in FA Cup.

E grati di quel periodo al famoso cantante inglese è stato dedicato un intero settore dello stadio: “The Sir Elton John Stand”.

Ma nella storia del Watford ci sono stati anche periodi in cui i tifosi hanno temuto di veder sparire il proprio club, come nel 2002 quando Tim Shaw annunciò un piano per recuperare almeno 9,5 milioni di sterline, pena il fallimento della squadra. La società recuperò soldi da un taglio di stipendi dei calciatori e da una raccolta fondi degli stessi tifosi che contribuirono generosamente.

Alla fine della stagione altri sacrifici furono necessari e molti giocatori di primo piano vennero venduti, ma il club era salvo.

Seguirono alcuni anni di magra in cui gli Hornets (trad. “I calabroni”) come sono soprannominati per i colori sociali gialli e neri, sparirono dalla Premier League ed i suoi tifosi si trovarono sulle cronache più per le violenze che per il loro sostegno sugli spalti.
Nonostante le varie proprietà abbiano sempre preso iniziative contro i violenti, ciò non è bastato ad evitare una mega-rissa nel 2002 prima del derby vs il Luton, chiamato l’M1 derby, dal nome dell’autostrada che separa le due città a sole 18 miglia di distanza.
Prima della partita le Firms dei due club si scontrarono in un pub nelle vicinanze dello stadio e dopo l’ingresso nell’impianto, mentre la polizia controllava che tutto filasse liscio all’esterno, un’invasione di campo portò a ulteriori scontri direttamente sul terreno di gioco.

Seppur ci siano stati episodi di violenza anche negli anni più recenti, da quando la proprietà Pozzo ha riportato la squadra in Premier League e nuovamente a Wembley in una finale di Fa Cup, l’entusiasmo dei tifosi si è concentrato soprattutto sul sostenere il proprio club ed anche se quest’anno naviga in brutte acque siamo certi che i tifosi degli Hornets resteranno ancora in piedi.

 

Prossimo appuntamento con i tifosi del West Ham

Attachment

Lascia un commento

(obbligatorio)

Translate »