Post Match 11 giornata, InhuMANE

InhuMANE:

Crudele Manè. E’ lui all’ultimo respiro a spizzare di testa la palla che si insacca alle spalle di Heaton e consente al Liverpool di non fermare la sua marcia, dopo che 3 minuti prima del novantesimo aveva servito l’assist del pareggio a Robertson, in rete anch’egli grazie a un colpo di testa.
Ha faticato e molto la squadra di Klopp per raggiungere questa vittoria, pagando la decisione del tecnico di non schierare Fabinho, diffidato e ritenuto evidentemente indispensabile per lo scontro al vertice della prossima giornata, al cui posto si è visto un Lallana evanescente che ha anche fallito una facile occasione.
Le rimonte stanno diventando quasi un marchio di fabbrica, ma questo non può nascondere i problemi difensivi che lo scorso anno sembravano superati, mentre in questa stagione si stanno ripresentando, tanto che la porta di Allisson è rimasta immacolata solo in 3 occasioni comprese tutte le competizioni.
L’Aston Villa ha messo in difficoltà gli avversari ed era anche passato in vantaggio grazie a Trezeguet, bravo ad evitare il fuorigioco ed a convertire in rete da pochi passi l’assist di McGinn.
Dopo l’occasione del raddoppio sciupata però ha potuto fare ben poco contro la furia agonistica dei Reds che hanno continuato a premere fino ad ottenere la posta piena, mantenendo così il distacco in classifica dal Manchester City in vista del big match del prossimo turno a cui il Liverpool arriva con 6 punti di vantaggio e la consapevolezza di poter puntare su due risultati su tre.

Summary:

Alle spalle del Liverpool vittoria in rimonta anche per il City che, complice un errore di Ederson, va sotto in casa contro il Southampton e riesce a ribaltare il match solo a 4′ dalla fine grazie a Walker, dopo che il solito Aguero aveva siglato il pareggio al 70′.
Non mollano nulla neppure il Leicester che passa 2-0 in casa del Palace ed il Chelsea che si impone per 2-1 in casa del Watford, ma la cui superiorità nel corso della gara è andata ben oltre il risultato finale.
Zoppica invece l’Arsenal che si fa raggiungere sull’1-1 dal Wolverhampton e va a -6 dalla zona Champions League mantenendo 1 solo punto di vantaggio sullo Sheffield che vince 3-0 contro uno spento Burnley, e sul Bournemouth che regola per 1-0 un Manchester United sempre più deludente.
Delude anche il West Ham superato in casa per 3-2 dal Newcastle e destinato a un altro campionato anonimo nonostante gli investimenti estivi, mentre al Goodison Park si spartiscono la posta il Tottenham e l’Everton con i padroni di casa che raggiungono il pareggio all’ultimo istante grazie a un’incornata di Tosun, dopo lo shock per l’infortunio gravissimo di Andrè Gomes.
Infine la netta vittoria casalinga del Brighton per 2-0 su un Norwich che non sembra aver ancora superato l’impatto con la Premier.

Statistics:

Le reti in questa undicesima giornata sono 26 per un totale di 312 da inizio campionato e una media di 2,84 a match.

Dayteam and best goal:

La rete che premiamo è quella di Snodgrass che con una conclusione al volo riduce le distanze tra West Ham e Newcastle, ma non riesce ad evitare la sconfitta. Team di questo weekend il Chelsea che con una prestazione maiuscola consolida la posizione in zona Champions League e porta a 5 la striscia di vittorie consecutive.

Classifica e Marcatori

Lascia un commento

(obbligatorio)

Translate »