Post Match 8 giornata, Livescape

Livescape:

E’ ufficialmente partita la fuga del Liverpool che grazie alla vittoria all’ultimo respiro ai danni del Leicester e alla clamorosa sconfitta interna del City si porta a +8 ed allunga la sua incredibile striscia di vittorie consecutive in Premier arrivando a 17 successi ed a 43 partite interne senza sconfitte.
Nel primo tempo il Leicester di Brendan Rodgers, accolto sempre con grande affetto dai suoi ex tifosi, riesce a imbrigliare i Reds, ma non ad impedire la rete del solito Mané che entra nel club dei 10 giocatori ad aver segnato 50 gol con la maglia del Liverpool in Premier League. La ripresa vede il Liverpool più sciolto, ma proprio nel suo momento migliore arriva il pareggio di Maddison che sembra poter regalare un punto agli ospiti. La squadra di Klopp però non molla mai e grazie a una palla persa in malo modo e ad un intervento ingenuo di Albrighton ai danni di Mané in area di rigore, trova il gol dal dischetto di un freddissimo James Milner e la prima fuga del campionato.

Summary:

Dicevamo della clamorosa sconfitta interna del Manchester City che produce come sempre una gran quantità di occasioni contro il Wolverhampton, ma non riesce a trovare la rete, complice anche una traversa colpita da David Silva. Come spesso succede alle squadre di Guardiola, quando non trovano la via del gol subiscono la rete in contropiede, questa volta da Adama Traoré a 10′ dal termine che sigla anche una clamorosa doppietta al novantesimo. Si conferma così la bestia nera Nuno Espirito Santo contro il quale Guardiola ha vinto solo una volta in quattro incontri.
Ancora un vittoria interna invece per l’Arsenal che si porta a un solo punto dai campioni in carica grazie all’1-0 con il Bournemouth con la prima rete del nuovo acquisto David Luiz in una partita sofferta. Più semplice invece la vittoria del Chelsea che si impone con un 4-1 e una prestazione convincente in casa del Southampton.
Restando sulle londinesi ritroviamo in piena crisi il Tottenham che subisce un 3-0 clamoroso all’Amex di Brighton in una partita letteralmente dominata dai padroni di casa e perde anche Lloris per un grave infortunio al gomito.
Il derby di giornata tra West Ham e Crystal Palace finisce con la vittoria degli ospiti grazie a un comeback dopo che i padroni di casa erano passati in vantaggio con un altra rete del neo-acquisto Haller. Il rigore di Van Aanholt e la rete di Jordan Ayew a 3 minuti dal novantesimo regalano però al Palace il quarto posto in classifica in coabitazione con Chelsea e Leicester.
Continuano le crisi del Manchester United sconfitto anche a Newcastle grazie alla rete del giovanissimo Matty Longstaff e dell’Everton che cede di misura sul campo del Burnley. Solskjaer continua ad accumulare record negativi e c’è chi come Owen inizia a criticarlo pesantemente, mentre a Liverpool sponda Goodison Park non si capisce di quale credito goda ancora Marco Silva.
Da segnalare la schiacciante vittoria esterna dell’Aston Villa che sotto gli occhi del Principe William, gran tifoso dei Villains, e dell’erede George, rifila un 5-1 ad un Norwich spaesato.
Chiude la giornata il pareggio a reti bianche tra Watford e Sheffield, un brodino per Quique Flores che rimane all’ultimo posto in classifica.

Statistics:

Le reti in questa settima giornata sono 25 per un totale di 230 da inizio campionato e una media che scende sotto i 2,9 a match.

Dayteam and best goal:

La rete che premiamo è ancora una volta quella di un giocatore dell’Aston Villa, Douglas Luiz, che chiude le marcature per la sua squadra con un destro a giro imprendibile. Team di questo weekend il Wolverhampton che ottiene una vittoria esterna all’Etihad senza subire gol, cosa che non era riuscita a nessuna squadra da Marzo del 2016.

Classifica e Marcatori

Lascia un commento

(obbligatorio)

Translate »