Post Match 37 giornata, Vincent

Vincent

“Tutti mi dicevano: ‘Non tirare! Non tirare!’, li potevo sentire. Ci ho pensato un secondo, non ho fatto 15 anni di carriera per arrivare qui e sentirmi dire dai più giovani quando posso o non posso tirare. E allora ci ho provato!”. Parole e musica di Vincent Kompany, che al 70′ di una partita bloccata sullo 0-0 in cui il portiere avversario aveva fatto un paio di miracoli, arriva ai 30 metri, guarda la porta e lascia partire una saetta che va ad infilarsi all’incrocio dei pali. Gol che regala la vittoria e quasi sicuramente il titolo alla sua squadra. Ancora un’emozione forte quindi in questa corsa allo scudetto in cui le due pretendenti si rispondono colpo su colpo e che terminerà solo al fischio finale dell’ultima giornata. Partita difficile quella di ieri sera, in cui i tentativi di Aguero vengono frustrati da un Kasper Schmeichel in serata di grazia e dalla traversa, con la goal line technology che questa volta non aiuta i Citizens. Rischia anche qualcosa la squadra di Guardiola, ma grazie a capitan Kompany che stoppa una conclusione a rete e all’imprecisione degli uomini di Rodgers, il City porta a casa i 3 punti che gli consentono di restare padrone del proprio destino e di andare a Brighton per provare a portarsi a casa il secondo titolo consecutivo e il sesto della sua storia.

Summary:

Il Liverpool rimane quindi a un punto di distanza dal Manchester City grazie alla vittoria thriller a Newcastle con il gol decisivo di Origi all’86’ dopo che i Reds erano passati in vantaggio per ben due volte con Virgil Van Dijk prima e Mohamed Salah dopo, ma erano stati rimontati in entrambe le occasioni. Brutto colpo in testa per Salah costretto ad uscire e che salterà l’impegno di Champions League, ma probabilmente recuperabile per l’ultima di campionato a differenza di Firmino che sembra aver finito la stagione in anticipo.
Nella lotta per andare in Champions League vittoria decisiva del Chelsea di Sarri che con un netto 3-0 si assicura il posto nella maggior competizione europea del prossimo anno e rinsalda la sua panchina in attesa dell’esito dell’Europa League.
Le altre pretendenti continuano invece in quella che sembra una corsa a non andare in Champions con il Tottenham che rimane la grande favorita per l’ultimo posto utile pur perdendo la partita a Bournemouth rimediando anche 2 espulsioni ed Arsenal e Manchester United che si fanno fermare sull’1-1 rispettivamente dalle modeste Brighton e Huddersfield.
In coda la sconfitta interna 2-3 contro il Crystal Palace condanna il Cardiff di Neil Warnock alla retrocessione con una giornata di anticipo e cancella per la prossima stagione il Galles dalla cartina della Premier League.
Vittoria di misura del Wolverhampton che consolida il settimo posto superando il Fulham. Vincono anche le due squadre che sembravano avere i mezzi per fare un campionato migliore di quello visto, cioè l’Everton che al Goodison Park supera 2-0 il Burnley ed il West Ham che regala ai suoi tifosi un rotondo 3-0 ai danni del Southampton nell’ultimo impegno casalingo dell’anno.

Statistics:

In questa giornata sono state realizzate 25 reti che portano il numero delle reti totali a 1036, in media 2,8 a partita.

Team della giornata e gol più bello:

Team della giornata il Chelsea che con una vittoria convincente scavalca il Tottenham al terzo posto e si assicura matematicamente un posto in Champions League.

La rete più bella é senza dubbio il destro potentissimo di Vincent Kompany da 30 metri che si insacca all’incrocio regalando la vittoria e probabilmente il titolo al Manchester City.

Classifica e Marcatori

Lascia un commento

(obbligatorio)

Translate »