Il Leicester annuncia la morte del Patron Srivaddhanaprabha

Nella tarda serata di ieri è arrivata la notizia ufficiale della morte del proprietario del Leicester City, Vichai Srivaddhanaprabha, nell’incidente che ha colpito il suo elicottero dopo la partita interna contro il West Ham.

Nato a Bangkok il 4 aprile 1958 in una famiglia di origine cinese, il suo cognome originale era Raksriaksorn, ma a seguito dei suoi successi imprenditoriali e al suo impegno sociale, il Re della Thailandia gli concesse l’onorificenza di cambiare il suo cognome in Srivaddhanaprabha , che significa “luce di gloria crescente”.

Il suo nome resterà indelebilmente legato alla squadra di calcio del Leicester City, di cui divenne proprietario nel 2010 quando le Foxes militavano in Championship, portandola prima in Premier League e poi ad aggiudicarsi lo storico e clamoroso titolo del 2016.

Insieme a lui nell’elicottero che utilizzava per tornare a Londra dopo ogni partita casalinga del Leicester, sono deceduti anche due componenti del suo staff, Nursara Suknamai e Kaveporn Punpare, il pilota Eric Swaffer e una passeggera, Izabela Roza Lechowicz, pilota anch’essa di origine polacca legata secondo alcune informazioni a Swaffer.

Domani il King Power Stadium, che prende il nome dalla catena di duty free per aeroporti fondata da Srivaddhanaprabha, sarà aperto dalle 8 di mattina a chi vorrà rendere omaggio a quello che verrà sempre ricordato come il patron del Leicester dei miracoli.

Attachment

Lascia un commento

(obbligatorio)

Translate »