Numeri della Premier

Tutto si poteva pensare di questa Premier tranne che la situazione dopo l’8 giornata fosse così in equilibrio. Avevamo pensato, come molti, che i Campioni del Manchester City ed il Liverpool se la sarebbero giocata in solitaria, ma oggi la realtà ci dice che la classifica è cortissima.

# Squadra Pti V P S GF GS Diff
1 Manchester City 20 6 2 0 21 3 18
2 Chelsea 20 6 2 0 18 5 13
3 Liverpool 20 6 2 0 15 3 12
4 Arsenal 18 6 0 2 19 10 9
5 Tottenham 18 6 0 2 15 7 8

Le prime tre come potete vedere non hanno ancora subito sconfitte. Negli scontri diretti, in 2 dei 6 in programma, non si sono fatte male, col Liverpool che ha rischiato di perderli entrambi e si è salvato in tutte e due le occasioni negli ultimi minuti. E delle tre i Reds sono quelli più in difficoltà, che oltre ad aver perso a Napoli in Champions, qui non riescono ad esprimere a pieno le potenzialità dell’anno scorso specie in attacco, dove han fatto meglio le due rivali provvisorie.

Un Arsenal impressionante nel ruolino ultimo e un Tottenham che ha iniziato a carburare completano il quadro della squadre che per ora si giocano alla grande il titolo di quest’anno.

# Squadra Pti V P S GF GS Diff
6 Bournemouth 16 5 1 2 16 12 4
7 Wolverhampton 15 4 3 1 9 6 3
8 Manchester United 13 4 1 3 13 14 -1
9 Watford 13 4 1 3 11 12 -1

Dalla sesta alla nona posizione troviamo Bournemouth, Wolverhampton e Watford, che sono indubbiamente le sorprese di questa prima parte del Campionato. Discorso a parte merita il Manchester di Mourinho, squadra che non si è sufficientemente rinforzata sul mercato e che ora accusa un ritardo importante dalle prime; si nota soprattutto nelle reti subite la grande differenza dal vertice della classifica, ma 7 punti non sono impossibili da recuperare; certo il big match allo Stamford Bridge alla ripresa dopo la sosta sarà sicuramente una partita da vincere.

# Squadra Pti V P S GF GS Diff
10 Leicester City 12 4 0 4 14 12 2
11 Everton 12 3 3 2 13 12 1
12 Burnley 8 2 2 4 10 12 -2
13 Brighton 8 2 2 4 9 13 -4
14 Crystal Palace 7 2 1 5 5 9 -4
15 West Ham 7 2 1 5 8 13 -5
16 Southampton 5 1 2 5 6 14 -8
17 Fulham 5 1 2 5 9 21 -12
18 Huddersfield 3 0 3 5 4 17 -13
19 Newcastle 2 0 2 6 6 13 -7
20 Cardiff City 2 0 2 6 4 17 -13

Solo l’Everton, tra le squadre rimanenti ha, secondo noi, margini di miglioramento per ambire all’Europa, mentre dal Leicester, che pure ha 12 punti come i Toffies, in giù, la lotta salvezza è già cominciata. Con le sorprese elencate prima non esenti da rischi e con due delle tre neopromosse ad alto rischio Chship.


Andiamo ora ad analizzare i players della prima parte di questa Premier.

# Player Club Gol
1. Eden Hazard Chelsea 7
2. Sergio Agüero Manchester City 5
2. Harry Kane Tottenham Hotspur 5
2. Aleksandar Mitrovic Fulham 5
2. Glenn Murray Brighton and Hove Albion 5
6. Marko Arnautovic West Ham United 4
6. Pierre-Emerick Aubameyang Arsenal 4
6. Richarlison Everton 4
6. Joshua King AFC Bournemouth 4
6. Alexandre Lacazette Arsenal 4
6. Romelu Lukaku Manchester United 4
6. Sadio Mané Liverpool 4
6. Gylfi Sigurdsson Everton 4
6. Raheem Sterling Manchester City 4

In un ipotetico podio il gradino più alto lo merita assolutamente Hazard: un fuoriclasse rinato con Sarri, che con Conte non si esprimeva più al meglio. Le 7 reti e gli assist stanno lì a dimostrarlo.  Sul secondo gradino una coppia che sta facendo faville e sembra aver trovato con Emery la giusta collocazione in campo: Aubameyang e Lacazette. Il terzo posto lo merita Richarlison che sta mantenendo le promesse, ha ancora un grande margine di miglioramento ed intanto ha conquistato la Nazionale brasiliana.

# Player Club Assist
1. Johann Berg Gudmundsson Burnley 4
1. Olivier Giroud Chelsea 4
1. José Holebas Watford 4
1. Benjamin Mendy Manchester City 4
1. Luciano Vietto Fulham 4
1. Callum Wilson AFC Bournemouth 4

Nella classifica degli assist spiccano i nomi di Callum Wilson e José Holebas che con i loro 4 assist stanno trascinando rispettivamente il Bournemouth ed il Watford.

Tre nomi, infine, che stanno facendo bene senza essere legati alle reti segnate o agli assist realizzati: il giovanissimo Diop, che nel West Ham sta crescendo di giornata in giornata al centro della difesa; Sigurdsson, acquistato dall’Everton a peso d’oro che dimostra puro talento anche se ancora troppo discontinuo e Ross Barkley, il giocatore del futuro al quale Sarri ha creduto e al quale sta facendo aumentare il minutaggio in campo.

 

Attachment

Lascia un commento

(obbligatorio)

Translate »